fil

  mosaico artistico

 

 

 

 

progetto puzzle

Il progetto nasce dalla riflessione sul modello di un uomo, quello contemporaneo, sempre piu' spaventato, distaccato, individualista e chiuso nei confronti dell' “altro”..

Questo atteggiamento crea un allontanamento e, ancor peggio, un timore di cio' che e' altro da se', e sfocia nella percezione di un mondo esterno pericoloso nelle sue diversita'.

 

A mio parere tale diversita' e' invece utile e necessaria per l'evoluzione dell'uomo stesso e ritengo altresi' auspicabile che questi sia sempre piu' spesso portato a confrontarsi e intrecciarsi con essa.

 

Trovo nella superficie musiva un' ottima metafora di questo concetto: essa infatti attraverso la singola tessera, di forma e colore differenti, crea un tutto vibrante proprio grazie alla sua eterogeneita'. Tanti piu' formati e colori sono presenti sulla superficie, tanto piu' essa sara' ricca e interessante.

Il “Progetto Puzzle”, nello specifico, sviluppa maggiormente questa teoria.

Tutti i tasselli che lo compongono si incastrano tra loro e nella loro compenetrazione, una parte di uno diventa parte dell'altro, a formare infinite combinazioni.

Sara' poi l'evento finale lo scopo piu' ampio del Progetto: tutti i possessori di tasselli verranno chiamati a partecipare, muniti del loro pezzo, a quella che sara' un' installazione vivente.

Ricostruiremo la grande opera a mosaico e ci conosceremo tutti.. e vedremo come “l'altro”ci possa assomigliare ed arricchire.

 

Dal punto di vista dell' arredo il "mosaico a puzzle" è un prodotto versatile che può essere acquistato sia singolarmente che come insieme di pezzi, a creare soluzioni intercambiabili e rinnovabili per giocare con l'ambiente che li ospita.